Cos'altro Vi è utile sapere....

Scontrino fiscale 
Il rotolo di carta in dotazione al misuratore fiscale deve essere in carta termica omologata dall'Istituto Superiore di Poste e Telecomunicazione e dovrà recare a margine di tutta la lunghezza del rotolo gli estremi della certificazione di conformità nonchè la data di scadenza della carta stessa, ed il nome del produttore della cartiera con i codici di riconoscimento.
Lo scontrino fiscale deve riportare l'intestazione, ossia denominazione o ragione sociale, ubicazione, partita I.V.A. Data , ora e numero progressivo di emissione, logotipo fiscale, numero di matricola.
Il rotolo del giornale di fondo (elettronico o no) in cui vengono registrati automaticamente gli importi deve essere conservato 5 anni.


Scontrini errati
Qualora venga emesso uno scontrino errato ma non ancora rilasciato al cliente, è necessario annullarlo, è prassi comune barrare con linee trasversali la parte impressa dello scontrino scrivendo chiaramente scontrino errato e firmarlo, và poi allegato alla chiusura giornaliera da cui sarà sottratto l'importo errato. 
Qualora venga emesso uno scontrino errato e rilasciato al cliente non essendo possibile procedere all'annullamento, in fase di annotazione sul registro dei corrispettivi o prima nota è possibile annotare l'errore , ma devono sussistere comprovati presupposti.